vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Piovera appartiene a: Regione Piemonte - Provincia di Alessandria

Collegamenti ai social networks

Seguici su

Castello Balbi

Nome Descrizione
Indirizzo Via Balbi, 4
Telefono 0131.698128
Fax 0131.698814
EMail info@castellodipiovera.it
Web http://www.castellodipiovera.it
Apertura 25; 27; 28 aprile
1; 5; 12; 18; 19; 26; maggio
8; 9; 16; 23; 30 giugno
8; 21; 22; 29 settembre
6; 13; 20; 27 ottobre
Feriali su prenotazione;
unico turno di visita ore 15,30.
Gruppi su prenotazione.
Tariffe 10,00€ intero
5,00 € ragazzi 6-18 anni;
gratuito minori di 6 anni;
9,00 € ridotto gruppi;
L'attuale castello di Piovera è una poderosa costruzione in cui si fondono assieme l'antico ed il moderno. Esso è il risultato di radicali trasformazioni, avvenute nel corso dei secoli, dell'antico "Castrum Pioperae", citato nei manoscritti a partire dal decimo secolo.
Le origini del maniero risalgono ai tempi di Carlo Magno e la sua funzione era -quasi unicamente- quella di garantire la sicurezza delle vicine vie di comunicazione e di proteggere le popolazioni della zona dai predoni.
In seguito la fortezza fu avamposto del feudo locale, al confine con altri feudi bellicosi esistenti al dilà del fiume Tanaro.
La struttura originaria del fortilizio, nato solo con requisiti di solidità e di efficienza militare, venne totalmente rivoluzionata nel corso dei secoli, a seconda delle necessità vigenti.
In particolare durante il periodo della dominazione spagnola (1500-1600) l'opera di trasformazione del forte fu radicale, dovendosi adattarlo a residenza marchionale. Vi posero mano dapprima i feudatari spagnoli dei casati di De Santez, Guzman ed Homodei, poi i Balbi di Genova, loro successori.
Molti restauri e modicfiche alle strutture del Castello si resero necessarie anche in conseguenza delle distruzioni belliche del secolo diciassettesimo. Varie volte esso fu occupato militarmente: ad arrecargli i maggiori danni furono i franco-savoiardi, i quali, nel novembre 1653, per nove giornate lo saccheggiarono ed infine lo incendiarono unitamente alle case del borgo.
Tra le opere murarie del Castello l'unico manufatto rimasto in parte allo stato d'origine è la torre situata nell'angolo Sud-Est: intorno al 1950 minacciava di sfasciarsi nel corpo centrale e crollare, ma se ne scagionò il pericolo provvedendo a rinforzare e cinturare di ferro le sue strutture traballanti.

Link